STARLIGHT Italians Nightwish

Tributo e brani ORIGINALI
STARLIGHT Italians Nightwish Tributo e brani ORIGINALI Rimini Musiqua
Luogo:
Rimini, Emilia Romagna
Genere:
Cachet:
€ 3500 - 15000
Telefono:
non disponibile
Chiedi disponibilità
Musicisti:
Elisabetta Tagliati , Voce Soprano
Gianfranco Spinsanti , Guitars
Lorenzo Angelini , Drums
Stefano Marasà , Bass
Alessandro Saffioti , Keyboards
(opzionale) Elisabeth Weil , Violino
(opzionale) Jacopo R. Alessandri , Uillean pipe / Flute
(opzionale) Mario Mosca , Vocal / Performer
Brook Morris , Fonico
Andrea Boni , Sound Engineer
Daniele Bellagamba , Sound Engineer
Non ci sono ancora recensioni.

Il progetto STARLIGHT nasce nel settembre 2018 come tribute Band dei Finlandesi Nightwish, gruppo Symphonic Metal, caratterizzato dall'unione della musica sinfonica classica -orchestrale con l'heavy metal a cui si aggiunge la voce lirica tipica dell'opera.
Pur rimanendo sempre all'interno dei canoni stilistici del genere, nei propri brani la band ha aggiunto o modificato importanti elementi di questo sound sound, creando un'ottima combinazione musicale di tre stili con caratteristiche particolari: musica heavy metal, arrangiamenti sinfonici, voce lirica femminile.
Gli STARLIGHT Italians Nightwish stanno definendo un sigillo, un vero e proprio marchio su questo tipo di suono.
Lo stile è la caratteristica principale di STARLIGHT Italians Nightwish; l'eleganza nella composizione, il sottile stile barocco si unisce a notevoli sfumature neoclassiche, portando l'eufonia e il pathos ai massimi livelli.
Le parti vocali sono impreziosite da una voce assolutamente unica e tutte sapientemente miscelate con un lavoro di chitarra tagliente ma mai eccessivo che crea situazioni di alternanza eufonica/groove/potenza.

Lo spettacolo offerto dagli STARLIGHT non è solo un concerto symphonic metal, ma si può definire un MUSICAL, vista la presenza sul palco di coreografie di danza e le proiezioni multimediale che "raccontano” i brani suonati.
Al tutto si aggiungano effetti spettacolati di luci e pitotecnici.

Formazione

Formazione Principale:
ELISABETTA TAGLIATI - Voce soprano - Front Woman
ALESSANDRO SAFFIOTI - Tastiere
GIANFRANCO SPINSANTI - Chitarre
LORENZO ANGELINI - Batteria
STEFANO MARASA' - Basso

Formazione ESTESA
( possibile dove i Budget organizztivi lo prevedono e/o consentono )
In aggiunta alla formazione base:
ELISABETH WEIL - Violino
JACOPO RAMIREZ ALESSANDRI - Cornamusa irlandese, flauto, fisarmonica
MRIO MOSCA - Cantante / Performer

Repertorio

1) Tutti i brani più famosi del repertorio dei Nightwish
con inserimento di BRANI PROPRI

2) Non è possibile accettare richieste, in quanto non è possibile variare la scaletta
per esigenze tecniche e di regia.

3) Durata spettacolo ore 2'

Repertorio:
Overture - ( Starlight )
DARK CHEST OF WONDERS ( Nightwish )
STORYTIME ( Nightwish )
END OF ALL HOPE ( Nightwish )
SHE IS MY SIN ( Nightwish )
EVER DREAM ( Nightwish )
SLEEPING SUN ( Nightwish )
LAST OF THE WILDS ( Nightwish )
NEMO ( Nightwish )
WISH I HAD AN ANGEL ( Nightwish )
PHANTOM OF THE OPERA ( Nightwish )
I WALK ALONE ( Nightwish )
AMARANTH ( Nightwish )
COME COVER ME ( Nightwish )
I WANT MY TEARS BACK ( Nightwish )
STARGAZERS ( Nightwish )
OVER THE HILLS ( Nightwish )
WISHMASTER ( Nightwish )
THE WORLD IS CALLING.. ( Starlight )
FIND NEW HEAVEN ( Starlight )
CRUMBS OF STONES ( Starlight )

Extra concerto ma in repertorio:
BLESS THE CHILD ( Nightwish )
GHOST LOVE SCORE ( Nightwish )
ELAN ( Nightwish )
DEEP SILENT COMPLETE ( Nightwish )

Logistica e attrezzature

Gli STARLIGHT hanno un proprio servizio audio / luci e loro personale tecnico, ma nel caso di Festival o manifestazioni che già dispongono di tali servizi è opportuno e necessario contattare il management.
Elementi indispensabili per un concerto Starlight sono: Palco minimo misure 15 mt x 10 mt / Regia Esterna / Schermo video minimo 30mq.

Montaggio e spostamenti

Nessun spostamento possibile entro la serata. Minimo due giorni. un giorno per lo spostamento, 1 giorno per il montaggio ( se non già preesistente ).

Esperienza

ELISABETTA TAGLIATI, carpigiana, è laureata in informatica e in canto lirico (conseguendo un punteggio di 110/110 sia nella Laurea Triennale che nel Biennio di Specializzazione) nel Conservatorio Achille Peri di Reggio Emilia e correntemente sta frequentando il Master di Vocologia Artistica all'Università di Bologna e la Belcanto Academy a Pergine Valsugana (TN).
Attualmente il suo docente è il M° Luca Pivetti, ma ha studiato anche con il M° Bakanova, M° Ganassi, M°Leoni, M°Luperi e M° Praticò ed ha seguito il corso preaccademico sotto la guida dei maestri Trombetta e Kriatchko, seguendo anche varie masterclass con artisti di fama internazionale.
Prima del conservatorio ha studiato canto lirico e moderno con i soprani Prandini e Vitiello ed ha approfondito la lirica con il M° A. Bertacchi.
Esperienze
L'enorme passione della musica ha fatto sì che Elisabetta si cimentasse nel canto tutte le volte che le fosse possibile. Nel 2019 ha debuttato come primadonna nel ruolo di Lucy nel "Telefono" di Menotti e nel ruolo di Bethel nell'opera rock "Oltre l'Abisso", scritta da lei stessa con musiche inedite di Perry Magnani.
Ha anche partecipato alle produzioni proposte dall'Istituto Peri come l’intermezzo ‘Livietta e Tracollo’ di Pergolesi a Reggio Emilia ed Asti, i Carmina Burana (Orff) al Teatro Valli (RE), fino a rappresentare la classe di canto in un concerto di musica da camera a S.Pietroburgo. Ha ricevuto formazione al SIC di Genova come Cantoterapista e tiene seminari di orientati al benessere e al rilassamento insieme all'insegnante di Yoga Marcello Monti. Si diletta nel canto diplofonico. Ha collaborato con moltissimi artisti e preso parte a numerosi progetti anche di musica moderna ed è desiderosa di ampliare ulteriormente le sue esperienze nel mondo dell'arte.
GIANFRANCO SPINSANTI: Professionista romano con oltre trent'anni di esperienza live e in studio, ha collaborato con molti artisti italiani come musicista di sessione nelle loro esibizioni dal vivo in Italia e in Europa.
STEFANO MARASA': È nato a Pesaro (Italia) nel 1972. Ha diverse collaborazioni musicali, dove ha maturato esperienza in studio e in numerosi eventi live. Compositore e polistrumentista, crea alcuni lavori per la "Dodicilune Edizioni Discografica" del genere Ambient e Darkwave.
ALESSANDRO SAFFIOTI: Nato a Pesaro il 10 Novembre del 1966 ha da sempre coltivato la passione per le arti e per la musica. Ha cominciato a studiare privatamente fin da bambino sia il pianoforte che le tastiere, a quel tempo strumento altamente innovativo. Questo lo ha spinto verso una costante ricerca del “suono” in tutti i sensi. Ha suonato con molti gruppi, sia in sala di registrazione che in concerti ed esibizioni dal vivo, affrontando ambienti musicali molto diversi: dal rock alla “musica elettronica” al blues, collaborando con molteplici professionisti come strumentista ma anche come compositore e come arrangiatore.
Come percussionista, dopo aver composto alcune musiche per degli spot pubblicitari e promozionali, la costante ricerca dello “spirito” del suono e la voglia di “comunicare” con la musica lo hanno condotto a confrontarsi sia con strumenti a percussione di origine mediorientale e africana, quali il derbuka, lo djambee e i bonghi, accostandosi ai loro ritmi “originali” e per alcuni versi “primitivi”, sia più latini e sudamericani quali le congas e il cajon. L’approccio e subito la passione per le ritmiche che accompagnano la danza è nata da quando ha assistito ad una lezione di danza del ventre tenuta da una nota insegnante della zona, Barbara “Ameena” Tombari, con cui ha potuto instaurare un rapporto di ricerca, studio e collaborazione che ha dato vita al “Gurppo Arabesque” nel quale danza, musica e percussioni si fondevano in una improvvisazione costante ed emotivamente molto profonda. Con il gruppo Arabesque si è esibito in numerose occasioni.
Come pianista e tastierista ha continuamente collaborato come turnista con numerosi gruppi sia italiani che stranieri come professionista: In Egitto (a Sharm el Sheik) così come in Irlanda, in Scozia, in Cornovaglia e in Normandia. Questo lo ha portato ad acquisire “sonorità” di diversi paesi e culture differenti. Ha anche collaborato con alcune coverband dedicate ai Pink Floyd, ai Rush, ai Deep Purple, ai Genesis e ai Queen.
LORENZO ANGELINI: Alla batteria dall'età di 5 anni, ha creato la sua formazione musicale studiando presso la Zero Crossing Modern Music Academy di Pesaro (Italia). Ha collaborato negli anno con tante cover band dell'universo rock.
ELISABETH WEIL: Nata a Friburgo - Germania
Studio del violino in privato a Offenburg. Trasferimento per studi a Tubinga e inizio della collaborazione con Connemara, gruppo di musica folk irlandese. Vari festival musicali popolari in gruppi spontanei con musicisti occasionali.
Concerti di musica classica nell'orchestra filarmonica studentesca di Stoccarda.
Musica popolare a feste, gruppi di ballo e festival in Germania e Francia.
Concerti di musica barocca con un gruppo di archi della scuola di musica Poliarte, diretto dall'insegnante Klodiana Babo
JACOPO RAMIREZ ALESSANDRI: Ha iniziato a suonare la chitarra all'inizio del liceo, molto presto ha scoperto l'amore per la musica celtica e ha iniziato a suonare il fischio Tin (flauto tipico irlandese) e la cornamusa delle Highland.
Dopo alcuni anni di studio ha deciso di approfondire la musica irlandese imparando le pipe di Uilleann, le tradizionali cornamuse irlandesi con il suo suono affascinante e unico. Ha seguito le lezioni di Uilleann Pipes sia in Italia che in Irlanda con il più grande musicista irlandese.
Dal 2013 al 2016 ha fatto parte di "L’Aquavite", un progetto di songwriting in cui ha potuto sperimentare la fusione della musica tradizionale con suoni più moderni. Nel 2015 si unisce ai Daran, un gruppo musicale irlandese tradizionale molto attivo.
Nel 2016 inizia a interessarsi alla musica storica e dal 2017 fa parte della Compagnia Saltafossum dove si esibisce in musica medievale e rinascimentale attraverso numerosi festival in tutta Italia.
Nel 2018 ha iniziato un progetto a due, "Cantì Jaramme", con la cantante e artista Filomena D'Ambrosio dove si esibisce musica tradizionale dal sud Italia suonando la chitarra e Zampogna (una cornamusa tipica del sud Italia) con mostre anche al di fuori dell'Italia a Mosca e Melnik (Bulgaria).
MARIO MOSCA: Nato a Napoli, Mario Mosca è un classico cantante hard rock, la cui matrice è attribuibile al rock dei padri del genere, come Deep Purple, Rainbow, Whitessnake.
Ha fatto i suoi primi passi nel mondo della musica nel 1994, quando, a 17 anni, ha fondato la sua prima band con alcuni amici di scuola, formando TIXOTROPIA.
Con questa band, ha ottenuto i primi importanti riconoscimenti, grazie a un EP "Killing the pig's Killer", che è stato un grande successo a livello nazionale.
Passa quindi alla band prog "Silent Field" nel 1997, con la quale pubblica due album distribuiti da Nocturnal Music.
Nel 2001 entra a far parte della band hard rock "Larsen"
Nel 2010 con formazioni acustiche (Black Sheep), e poi cblues (Bulldogs).
Nel 2015 è stato assunto da Lizhard, che ha identificato Mario come la voce ideale per seguire il loro esordio discografico di successo.
Questa collaborazione porta all'album "Bigger, Better, Stronger" distribuito dall'American Perris Records, riscuotendo entusiasmo.
Nel 2017 è stato assunto dalla tribute band Iron Maiden, chiamata Prodigal Sons, per sostituire il frontman uscente