Rocca-Benigni Project

Tra tradizione e innovazione.
Rocca-Benigni Project Tra tradizione e innovazione. Roma musiqua.it
Luogo:
Roma, Lazio
Cachet:
€ 400 - 1200
Telefono:
non disponibile
Chiedi disponibilità
Musicisti:
Paolo Rocca, clarinetti, flauti tradizionali
Fiore Benigni, organetto diatonico, fisarmonica
(opzionale) Piero Fortezza, batteria, percussioni
(opzionale) Maurizio Raimondo, contrabbasso
(opzionale) Ziad Trabelsi, oud, arabic voice
(opzionale) Fabio Porroni, violino
(opzionale) Marco Valabrega, violino klezmer
(opzionale) Sara Marchesi, voce

Il Duo Rocca-Benigni (Paolo Rocca: clarinetti e ciaramelle; Fiore Benigni: organetto) attinge alle complessit armoniche e ritmiche e agli idiomi musicali pi diversi. Dalla musica klezmer e gitana allo choro brasiliano, dai geampara rumeni al moderno tango-jazz, con un costante riferimento alla tradizione popolare italiana (saltarelli, serenate, etc.). La stessa flessibilit dapproccio caratterizza anche i brani originali proposti dal duo, che stempera lintenso rigore esecutivo in un lirismo fresco ed essenziale. Nel 2007 per Finisterre esce il primo lavoro discografico, "Fiore Benigni " Paolo Rocca" (disco della settimana, "Fahrenheit" - gennaio 2009 - Radiotre). Nel gennaio 2014, sempre per Finisterre, esce il secondo lavoro, "Upset" (presentato dal vivo a Radiotre Suite e anchesso disco della settimana " aprile 2014). Questa la descrizione contenuta nel disco (con ospiti come Lucilla Galeazzi, Paolo Modugno, Moni Ovadia, Ziad Trabelsi): fra divertissement e straniamento, capovolgimenti ritmici e inedite vie di fuga, le ance dellorganetto e quelle del clarinetto disegnano risonanze arcaiche in una solida tessitura contemporanea. Upset, lancestrale metropolitano. Il Duo negli anni si esibito in importanti festival in Italia e all'estero (Svizzera, Austria, Polonia, Albania, Spagna).
In occasione di cerimonie, banchetti, feste, il duo si presenta anche in formazione allargata con l'aggiunta di contrabbasso, cimbalo, batteria, percussioni...

Formazione

La formazione base è composta da due musicisti, ma l'organico (con esperienza ventennale) è flessibile e si avvale della collaborazione di eccellenti strumentisti, sia classici e jazz, sia di tradizione popolare.

Repertorio

Il repertorio del duo è composto da brani originali, contenuti nei due lavori discografici - con sonorità balcaniche, klezmer e jazz; ma anche da standard jazz, e musiche e danze tradizionali (della tradizione del sud Italia, dei paesi balcanici, del linguaggio klezmer). L'esibizione del duo può durare da 1 a 2 ore, a seconda delle richieste e della situazione può protrarsi ulteriormente.

Logistica e attrezzature

Non abbiamo impianto; il gruppo è composto di strumenti acustici, e la performance può svolgersi anche senza amplificazione. All'occorrenza ci avvaliamo della collaborazione di un service fidato.

Montaggio e spostamenti

Possiamo effettuare spostamenti senza alcun problema, e il tempo per montare la strumentazione è piuttosto ridotto (nell'ordine dei 15 minuti per il duo), anche se varia a seconda della presenza o meno di altri musicisti e dell'eventuale service per l'amplificazione.

Esperienza

Esperienza ventennale, esibizioni in innumerevoli contesti, da feste private a tourne internazionali.

Fiore Benigni, suonatore di organetto diatonico e compositore, studia e si perfeziona con i maggiori professionisti presenti sul territorio nazionale (T. Winky, R. Tesi, R. Tombesi). Svolge attivit concertistica in Italia e all'estero e ha al suo attivo partecipazioni discografiche con artisti di diversa appartenenza stilistica (fra cui V. Buzzi, "La citta' dei Papi", 2001; G. Garzone & M. Mainieri, "Leucasia", 2006; Ammaraciccappa, "Al Qantarah", 2007; Duo Rocca-Benigni, "s.t.", 2008; Gabriel Aguilera, "De corazn a corazn", 2010; Dario Muci, "Sulu", 2010; Teresa de Sio, "Tutto cambia", 2011; Luigi "Grechi" De Gregori, "Angeli&Fantasmi", 2012; Duo Rocca-Benigni, "Upset", 2014; Discanto, "Allumeme la vi", 2014; Razzapparte "Brucia!", 2016; Teresa De Sio, "Teresa canta Pino", 2017). Autore di brani che spaziano dalla musica etnica al jazz, fondatore del duo "Niglos." e, insieme al chitarrista e liutaio cileno Gabriel Aguilera, dell'"Aguilera Project", e stabilmente suona con lensemble "Pizzicanto 2.0", in duo con il clarinettista Paolo Rocca, con la band di Teresa de Sio, con Moni Ovadia e Lucilla Galeazzi. Compone nel 2008 le musiche per "Love", spettacolo di Emanuela Giordano e Susanna Tamaro interpretato insieme a Mascia Musy, con repliche nei teatri di tutta Italia. Attualmente tiene corsi e seminari in collaborazione con IALS e CEMEA. Collabora con il progetto "Tevere eterno" di William Kentridge e Philip Miller.

Paolo Rocca tra il 1986 e il 1988, dopo il diploma di clarinetto, si specializza a Londra dove studia musica da camera con Jack Brymer (Primo clarinetto della R.P.O. e dell'Orchestra della BBC) e con Vincenzo Mariozzi (Primo clarinetto dell'Orchestra di Santa Cecilia di Roma). Tra il 1989 e il 1992 vince un concorso come primo clarinetto nell'Orchestra Giovanile Acadya con sede a Neuchatel (CH) e partecipa a tourne con repertorio lirico, sinfonico e cameristico in diversi paesi d'Europa (Germania, Belgio, Austria, Francia). Negli anni Novanta la passione per il folklore lo porta ad approfondire lo studio delle tradizioni popolari (feste patronali del centro sud, tarantelle dei Rom abbruzzesi, tammuriate dei Sinti vesuviani), che diventano materiale d'ispirazione per alcuni lavori discografici e collaborazioni. Tra le altre "La Via dei Romei" con A. Sparagna, "Zingari" e "Mr. Roman" con gli Acquaragia Drom, "Suono e Terra" col Sestetto Moderno. Nello stesso periodo col Sestetto Moderno registra per (e partecipa a) Radiotre Suite e "La Stanza della musica". La collaborazione col quartetto Gaudeamus della Filarmonica di Brasov (Romania) l'occasione per approfondire il repertorio popolare romeno e dei Rom romeni. Con l'etnomusicologo Erasmo Treglia fonda il gruppo "Taraf da Metropolitana" e collabora come musicista e produttore esecutivo al CD "Prossima fermata Colosseo". Nel 2001 entra nella Stage Orchestra di Moni Ovadia dove musicista attore in molte produzioni musicali e teatrali (tra cui "Il violinista sul tetto", "Kavan", Oylem Goylem" (DVD), "Es iz Amerike?", "Konamija", "Canto del popolo ebreo massacrato" (vincitore del Prix Italia per la RAI)). Tra il 2004 e il 2009 con il Movies trio si esibisce in importanti teatri italiani e nella prestigiosa Dom Musiki di Mosca (CD Movies Trio plays Morricone). Nel 2010 fonda e coordina lensemble di musicisti romeni e italiani "Rom & Gagg". Nel settembre 2012 ha conseguito il diploma di jazz al Conservatorio Morlacchi di Perugia. E coordinatore musicale nel progetto "Tevere eterno" di William Kentridge e Philip Miller.